Loris Gonnet


via San Domenico 7 CHIERI
REGIONE: Piemonte

3357073925

lgconsulenza@gmail.com
PEC: lorisgonnet@pec.com



10075340017

10.02.72

ANNI DI ESPERIENZA:12


400 Visite del profilo

CODICE RUI:E000311472
SEZIONE:E
ISCRITTO NEL: 20.05.13

LINK PERSONALI

LINK SOCIAL- CLICCA QUI: https://www.facebook.com/lgconsulenza/

MAPPA

Stacks Image 29095

DESCRIZIONE

Perchè tu non debba mai avere problemi economici in casi sfortunati che riguardino te, la tua famiglia o il tuo lavoro...
Ricerco per te le migliori soluzioni sul mercato assicurativo e creditizio, nel tuo esclusivo interesse.
Sono felice di poter svolgere questa professione in modo indipendente, imparziale, libero dai "condizionamenti" delle Compagnie.
Poter aiutare le famiglie e le imprese a tutelarsi al meglio e a pianificare il futuro mi dà grande motivazione.
Grazie a una grande passione, ogni giorno studio e approfondisco la professione.
Anche per questo mi sono specializzato in Welfare Personale e Aziendale, salute, risparmio, investimenti e previdenza pensionistica: una tutela a 360° per non lasciare nulla al caso e pianificare il tutto senza inutili sovrapposizioni di garanzie, per ottenere la massima efficienza di protezione.
Reperiamo il meglio sul mercato, ai migliori costi, nell'interesse dei clienti che ce ne incaricano.
La nostra struttura supporta il cliente, colui per il quale lavoriamo, anche nella gestione dei sinistri, con consulenti legali in sede.
Oltre agli avvocati, sono presenti in Studio Clarus anche commercialista, consulente aziendale e notaio per garantire assistenza a 360° nell'ambito finanziario, patrimoniale e legale.

Per info e appuntamenti orientativi: loris.gonnet@studioclarus.com

COMPAGNIE

COMPAGNIE DI ASSICURAZIONI
ALLIANZ

AMISSIMA ASSICURAZIONI

AMTRUST EUROPE LIMITED

ASSICURAZIONI GENERALI

AVIVA

AXA ASSICURAZIONI

GENIALLOYD

GLOBAL ASSISTANCE

GROUPAMA ASSICURAZIONI

HCC INTERNATIONAL INSURANCE COMPANY PLC *

ITAS-IST.TRENTINO-ALTO ADIGE ASS.NI

NET INSURANCE

UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.p.A.

VITTORIA ASSICURAZIONI

ZURICH INSURANCE COMPANY LIMITED

SOCIETA REALE MUTUA DI ASSICURAZIONI

COMMENTI


I SUOI POST

Loris Gonnet

Ha Scritto:

Fai danni? Paga qualcun altro, per soli 8€ mese

La tutela per la famiglia che non puoi non avere!
QUANTO VALGONO 8-9€ AL MESE?

-🔥Valgono 1 MILIONE di euro se la tua casa prende fuoco e incendia quelle dei vicini;
-🚿Valgono i danni al vicino per la perdita del tuo bagno o della tua lavatrice (statisticamente fa disastri!)
-🐶Valgono i danni cagionati dal tuo cane che fa cadere qualcuno in bici
-🚲Valgono i danni che fai quando tu o i tuoi famigliari andate in bici o giocate a ⚽ o state🏂⛷️, ecc
-🎂Valgono per i danni che i compagni di tuo figlio, alle feste 🎉🎁, subissero per tua negligenza, o che il tuo bimbo causasse a casa di altri🤷‍♂️🤹
- valgono molto in molti altri casi che sarò lieto di illustrarvi...

Info: loris.gonnet@studioclarus.com

2018-10-10 18:23:18


Loris Gonnet

Ha Scritto:

In caso non potessi più lavorare per un infortunio, hai le risorse?

TUTELA INFORTUNI e INVALIDITA': perché serve?
Perché il sistema pubblico in caso di invalidità permanente è praticamente assente.

Esempio: ipotesi di un Uomo Dipendente di 40 anni, età di inizio contribuzione 25 anni, lordo mensile stipendio 2.000€ per 13 mensilità, che subisse un infortunio non al lavoro, facciamo un confronto di indennizzo tra #Assicurazione - con capitale assicurato di 100.000€ - e il #Sistema #Pubblico.

Con un livello di invalidità elevato, il lavoratore potrebbe essere licenziato qualora non potesse svolgere l'attività lavorativa (L.402/68- art.10).

2018-10-10 18:12:11


Loris Gonnet

Ha Scritto:

Proteggi i dati informatici e la Responsabilità per errato trattamento della Privacy #Cyberisk #GDPR


Tutele per aziende e professionisti a proposito di #GDPR (normativa privacy) e #DPO (responsabile protezione dati)

Il General Data Protection Regulation è un regolamento che è stato emesso dal Parlamento europeo ed entrerà in vigore il 25 maggio 2018.

-Può l'azienda tutelarsi da richieste di risarcimento da parte di terzi danneggiati per errato trattamento dei #dati #personali?
-Può essere risarcita dalla compagnia di assicurazione per #perdita di #dati a causa di #errori o #attacchi #informatici?
-Può il responsabile del trattamento dati tutelarsi per Responsabilità Civile, anche in caso sia l'azienda stessa per la quale lavora a chiedere risarcimento?

Alla luce della nuova normativa, le aziende possono prendere in considerazione una #polizza #cyberisk o #rischi #informatici.

Le probabilità di essere chiamati in causa per un risarcimento da parte di terzi aumentano, visti i maggiori obblighi e le difficoltà ad essere completamente "compliant".

Anche la possibilità di perdita di dati indispensabili all'attività (siamo sempre più digitali) per un errore o per un attacco informatico è incrementata.

#DPO (responsabile protezione dati)

Le aziende per i loro dipendenti o i singoli professionisti di questa mansione (responsabili protezione dati) dovrebbero anche pensare se tutelarsi per #Responsabilità Civile Professionale del DPO.

info: loris.gonnet @studioclarus.com

2018-05-08 11:57:55


Loris Gonnet

Ha Scritto:

RC MEDICO: come deve assicurarsi?

I medici, come devono assicurarsi per errori professionali?

I medici, come devono assicurarsi per errori professionali? Responsabilità operatori sanitari: strutture più responsabilizzate, pazienti più tutelati. Deve essere assicurato il libero professionista che presta la sua opera in struttura privata? E' citabile per colpa, in via penale, il sanitario che provoca un danno ad un paziente se sono seguite le buone pratiche clinico - assistenziali e le raccomandazioni previste dalle linee guida? Ecc... La legge Gelli ad un anno dalla sua introduzione. Le novità introdotte dalla legge Gelli coinvolgono la responsabilità civile e penale di tutti coloro che lavorano in campo sanitario e di tutte le strutture, le quali devono rispondere anche delle azioni di chiunque vi operi all’interno a qualunque titolo. L’obbiettivo dichiarato è il raggiungimento di un equilibrio tra tutela del paziente e limite al contenzioso, prevedendo un tentativo di conciliazione obbligatorio e contribuendo a ricostruire una alleanza terapeutica tra gli attori, scoraggiando il paziente a esercitare senza indugio un’azione legale. Tutto ciò dovrebbe limitare anche il ricorso da parte dei medici alla cosiddetta “medicina difensiva” comportante la prescrizione di esami e accertamenti a volte superflui per paura di essere coinvolti in contenziosi legali. A tal proposito ricordiamo che la legge Gelli sancisce, inoltre, che non è citabile per colpa, in via penale, il sanitario che provoca un danno ad un paziente se sono seguite le buone pratiche clinico - assistenziali e le raccomandazioni previste dalle linee guida. E’ stata quindi alleggerita soprattutto la posizione dei medici dipendenti e degli altri esercenti professioni sanitarie all’interno delle strutture (pubbliche e private) che in caso di errori rispondono per la sola responsabilità extracontrattuale; ciò comporta che non è più responsabilità del medico provare la propria correttezza professionale, ma è il paziente che dovrà dimostrare che la colpa di eventuali danni subiti è imputabile al sanitario. Le strutture sanitarie, invece, rispondono per responsabilità contrattuale propria e per l’operato del personale a qualunque titolo operante all’interno della struttura e devono continuare a dare prova del corretto adempimento. Non cambia molto per i liberi professionisti che operassero per conto proprio, magari nel proprio ambulatorio; essi infatti continuano ovviamente a rispondere per responsabilità contrattuale con il paziente, il che comporta anche una prescrizione del diritto di 10 anni. Chi si deve assicurare e per cosa Tutte le strutture pubbliche e private hanno obbligo assicurativo per responsabilità civile (anche nei confronti dei loro operatori, la cosiddetta RCO) e devono pubblicare sul proprio sito internet gli estremi della copertura assicurativa ed i dati relativi ai risarcimenti dell’ultimo quinquennio. Il sanitario “strutturato” interno alla azienda deve essere assicurato per colpa grave e per eventuale danno erariale (nel pubblico) o per azione di rivalsa della compagnia assicurativa della struttura. Il libero professionista ha anch’esso obbligo assicurativo e risponde sempre a pieno titolo per i propri errori, salvo quando eserciti in struttura terza e non abbia alcun tipo di rapporto con il paziente. Questa precisazione va fatta in quanto se il professionista ha instaurato un rapporto con il paziente/cliente, anche se lo incontrasse presso struttura terza, potrebbe essere chiamato in causa per responsabilità contrattuale. Le coperture assicurative devono essere nella forma “claims made”, garantire copertura retroattiva decennale e “postuma decennale” in caso di cessata attività. Mancano ancora alcuni decreti attuativi, ma i casi sopradescritti sono effettivamente in vigore, e dovrebbero rappresentare punti fermi utili a fugare i molti dubbi degli operatori del settore... Per ulteriori informazioni e tutele: loris.gonnet@studioclarus.com....

2018-04-16 18:01:47


Loris Gonnet

Ha Scritto:

Quanto erogherebbero l'#Inps e le altre casse professionali in caso non potessi più lavorare per #invalidità

✅IL GEOMETRA, ma il caso è simile a molte altre categorie di professionisti e lavoratori in genere...
❗Quanto percepirebbe in caso di invalidità da infortunio o malattia?
❗ La #CIPAG, cassa previdenziale della categoria, indica che la pensione di invalidità viene corrisposta nella misura del 70% della pensione spettante al momento del verificarsi del fattaccio, sempre che si abbia una invalidità accertata superiore al 66%.
FACCIAMO UN ESEMPIO
Il geom. Marco ha 43 anni, un reddito dichiarato di €36.000 lordi con un'anzianità di 22 anni ca.
⛔Un incidente (o una malattia) determina la sua invalidità al 75%.
Il suo reddito passerebbe da circa €3.000 lordi a poco più di €1.000 lordi, e cioè quanto corrisponderebbe la cassa fino al 99% di invalidità!
Probabilmente non potrebbe più lavorare e non riuscirebbe a provvedere a se stesso, e peggio sarebbe se avesse figli da mantenere o moglie a carico...
Anche in caso di morte, alla moglie e ad esempio ad un figlio, spetterebbe una "pensione indiretta" di €830 ca. complessivamente al mese (sempre lordi!).
Oltre al disagio morale si genererebbe con probabilità anche un disagio economico che si potrebbe ripercuotere anche sui propri cari: drammatico!
✅Tutto ciò potrebbe essere di spunto per pensare a tutele private che garantiscano un capitale e una rendita per sè, o un capitale per i propri cari.
🍕Per fortuna la soluzione potrebbe costare meno di una pizza al mese! Vale la pena di rischiare conseguenze tanto pesanti per tutta la famiglia?
Per consulenze e per quantificare con attenzione le necessità di integrazione, scegliendo tra oltre 10 compagnie convenzionate
info: loris.gonnet@studioclarus.com ....

2018-04-09 17:02:56


I SUOI VIDEO

SERVE AIUTO?


NON SONO SU SU SKYPE! MA PUO' CHIAMARMI AL TELEFONO O SCRIVERMI VIA MAIL!
Stacks Image 3679
L'UTENTE NON HA ANCORA SKYPE!
Stacks Image 29077

Messaggio o Call